L’estate è finita è un dato di fatto con cui a breve dovremo fare i conti.

Se da un lato alcuni studi rilevano un miglioramento delle performance sul lungo periodo di quasi il 10% per 10 ore di pausa dal lavoro e vedono nelle vacanze una fonte di creatività e ispirazione, dall’altro lato non è raro sentire parlare di sindrome da rientro.

Ecco quindi alcuni consigli per ripartire in forma per l’anno lavorativo.

Rientro graduale. Dopo un periodo di relax, tornare di colpo alla quotidianità può avere effetti negativi. Puntare la sveglia qualche ora prima, per riprendere dimestichezza con gli orari lavorativi e lasciarsi alle spalle i lunghi sonni vacanzieri, può essere una buona idea. Sarebbe consigliabile anche concedersi almeno un giorno ‘cuscinetto’ tra il rientro dalle vacanze e l’ufficio.

Organizzare il lavoro. È sempre saggio organizzare il carico di lavoro per distribuire le proprie forze. In questo modo, si eviterà di accumulare stress. Il consiglio è quello di stilare una lista di cose da fare per affrontare al meglio la prima settimana di rientro, priorizzando le attività più urgenti e organizzando quelle che possono essere posticipate alle settimane successive.

Stare alla luce del sole. Il passaggio dalla luce del sole in spiaggia a quella artificiale dell’ufficio può mettere sotto stress il corpo e la mente. Un consiglio: fare la pausa pranzo all’aria aperta.

Che dire…CSIA spera che abbiate passato delle ottime vacanze e che la ripartenza sia proficua!